Valutazione degli apprendimenti

In linea con le Indicazioni Nazionali, la valutazione assume una funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo. L’ottica è quella della valutazione per l’apprendimento, che ha carattere formativo poiché le  informazioni rilevate sono utilizzate anche per adattare l’insegnamento ai bisogni educativi concreti  degli alunni e ai loro stili di apprendimento, modificando le attività in funzione di ciò che è stato  osservato e a partire da ciò che può essere valorizzato.

La valutazione interviene durante i processi di apprendimento, aiutando ad accertare quali abilità ciascun alunno stia acquisendo, quali difficoltà stia incontrando, quali procedure possano accelerare o ritardare la conquista di un nuovo sapere.

La valutazione effettuata dagli insegnanti costituisce lo strumento privilegiato per la costante regolazione della programmazione educativo-didattica .

Nelle Indicazioni  Nazionali,  si afferma che la valutazione come processo regolativo, non giunge alla fine di un  percorso, ma “precede, accompagna, segue” ogni processo curricolare e deve consentire di valorizzare i  progressi negli apprendimenti degli allievi.

Scuola dell’Infanzia Scuola Primaria e Secondaria
l’osservazione del bambino nei diversi momenti della giornata (gioco libero, routine, attività strutturate) è lo strumento della valutazione la valutazione è espressa in voti: l’espressione del voto in decimi è solo un momento aggiuntivo e finale di un processo rilevante per il lavoro del docente e da rendere chiaro e rintracciabile per gli alunni e le famiglie
l'osservazione sistematica nelle aree cognitiva, linguistica, motoria e sociale avviene attraverso griglie predisposte  le prove di verifica scritte sono valutate secondo precisi parametri percentuali corrispondenti a diversi livelli di giudizio
il processo valutativo inizia attraverso un colloquio con i genitori del bambino prima che inizi l'anno che ha lo scopo di : conoscere lo scopo evolutivo del bambino, verificare la presenza di allergie e intolleranze, situazioni che potrebbero incidere sull'andamento scolastico, ma anche conoscere le abitudini del bambino le prove orali e pratiche sono valutate secondo indicatori e descrittori di livelli di tipo qualitativo 
elemento importantissimo per la valutazione è la documentazione, cioè la raccolta di tutti gli elaborati del bambino perché: consente la verifica dei progressi realizzati in un certo tempo, consente alle insegnanti di ripensare al processo educativo e didattico proposto e serve come strategia di comunicazione, di ricerca ed innovazione la valutazione sommativa periodica e finale relativa a ciascuna disciplina del curricolo è espressa in decimi sulla scheda di valutazione da consegnare alle famiglie alla fine del primo quadrimestre ed alla conclusione dell’anno scolastico 
per i bambini frequentanti l’ultimo anno si predispone anche una scheda di rilevazione dei livelli raggiunti.

Tabella valutazione del rendimento

Tabella misurazione prove oggettive